Un classico della domenica a casa dei miei: la crostata di marmellata di arance. Una frolla friabile, leggera e aromatizzata al limone e una marmellata homemade di cui mi riprometto di scrivere e fotografare presto la ricetta.

Preparate in anticipo e mettete a riposare in frigo la pasta frolla.

Per preparare il nostro dolce servono inoltre:

  • 4 cucchiai di marmellata di arance
  • zucchero a velo per guarnire
  • farina 00 per la spianatoia
  • una teglia apribile con diametro 24 cm

Preparazione:

tirate fuori dal frigo la pasta frolla e staccatene una parte da cui ricaverete già le strisce per chiudere la crostata: si preparano subito perché le disporremo in un vassoio e le metteremo in frigo a raffreddare così quando andremo a guarnire la crostata saranno facili da applicare perché fredde e tese, anziché calde e molli, difficili da prendere e applicare col rischio che si rompano. Prendiamo il nostro panetto di frolla, lo poggiamo su carta forno e con la pellicola appoggiata sulla pasta, faremo pressione con il matterello per fare una sfoglia alta 2 mm da cui ricaveremo 10 strisce: 2 lunghe quanto il diametro della teglia, 4 medie e 4 corte.

(1)

(1)

 

(3)

(2)

Le strisce le poniamo in frigo a raffreddare in frigo. Ora ci dedichiamo alla base: poniamo sulla spianatoia la carta forno che useremo per la teglia e stendiamoci sopra la frolla con pellicola e matterello.  La base della nostra crostata sarà alta circa 1 cm.

(3)

(3)

Prendiamo le misure giuste della forma della teglia e ritagliamo la pasta in eccesso.

(4)

(4)

Possiamo ora inserire la nostra base di frolla nella teglia e con la pasta che è avanzata prepariamo un rotolino da porre intorno alla base e spingere contro le pareti della teglia per fare un rialzo intorno alla nostra crostata.

(5)

(5)

(6)

(6)

Possiamo finalmente farcire di marmellata e chiudere con le strisce belle fredde dal frigo: una centrale lunga, due medie e due corte agli estremi e poi le altre 5 restanti incrociate.

IMG_4804

(8)

(8)

Inforniamo a 180^ per 35 minuti fino a doratura e, una volta raffreddata, guarniamo con zucchero a velo!

(9)

(9)