Finalmente in mattinata ho messo le mani in pasta per fare le chiacchiere di Carnevale! Il segreto della loro croccantezza e del loro profumo sta in un buon vino bianco secco e strutto homemade, ma non chiedetemi come si fa perché qua c’è lo zampino di mia madre che ha potuto comprare un buon maialino allevato in campagna da cui ha ricavato anche salame e pancetta. Ma bando alle “chiacchiere”, veniamo alla ricetta.

INGREDIENTI:

  • 500 g di farina 00
  • 75 g di zucchero
  • 50 g di strutto
  • 4 g di sale
  • 1 uovo
  • 2/3 g di ammoniaca
  • 160 ml di vino bianco secco
  • olio extra vergine di oliva per friggere

PROCEDIMENTO:

ho setacciato la farina e l’ho disposta a fontana nella coppa dell’impastatrice. Al centro ho aggiunto lo zucchero, lo strutto in pezzetti, il sale e l’uovo. Ho messo a stemperare in un pentolino il vino e vi ho sciolto l’ammoniaca. Ho fatta partire l’impastatrice e ho iniziato ad aggiungere un po’ alla volta il vino fino ad ottenere un impasto abbastanza liscio, che ho ricoperto di pellicola trasparente e ho lasciato riposare per ben 2 ore.

(1)

(1)

Dopo questo lungo riposino ho montato la mia macchina Imperia e mi sono attrezzata con spianatoia e rotelle tagliapasta. Ho lavorato molto la mia pasta alla trafila più spessa e infine ho tirato delle sfoglie alla trafila più sottile.

(2)

(2)

Ho ritagliato quindi le mie chiacchiere con la rotella!

(3)

(3)

Poi ho messo a scaldare in una padella alta abbondante olio extra vergine di oliva e ho fritto le chiacchiere per pochi minuti fino a doratura. Una volta raffreddate le ho spolverizzate di zucchero a velo vanigliato e le ho mangiate in compagnia (come sempre)!

(4)

(4)